Quando si richiede un subentro luce?

Il subentro luce è quella procedura che bisogna attivare quando il precedente inquilino o il precedente proprietario di un’abitazione o un’attività, prima di andare via, ha effettuato una richiesta di distacco della fornitura di energia elettrica.

subentro luce

Riattivazione contatore elettrico

Se nella tua nuova casa è presente un contatore elettrico, ma non è funzionante, significa che il precedente intestatario della fornitura elettrica ha effettuato una disdetta e quindi è necessaria una richiesta per la riattivazione contatore elettrico.

Sarà quindi necessario richiedere un nuovo contratto luce per avere nuovamente la linea telefonica attiva. 

Se vuoi riattivare subito il contatore e richiedere il subentro della linea elettrica, clicca sul pulsante.

richiedere subentro

Cosa serve per richiedere il subentro?

La corrente elettrica è uno dei servizi fondamentali che è importante avere quando ci si trasferisce in una nuova casa.
Che tu debba effettuare lavori di ristrutturazione o vivere direttamente nel tuo nuovo nido, non potrai fare a meno dell’elettricità.

Per questo motivo, dovrai armarti di pazienza e raccogliere i documenti e le informazioni necessarie prima di contattarci per l’attivazione.

  1. Il codice POD.
    Puoi rilevare questo codice da una delle bollette del precedente inquilino oppure direttamente dal contatore (un operatore ti spiegherà come fare).
  2. I dati della persona a cui dovrà essere intestato il contratto. Carta di identità, codice fiscale o tessera sanitaria, indirizzo di residenza, numero di telefono e email. Iban per eventuale addebito delle bollette.
  3. Indirizzo esatto della fornitura. In una fase successiva ti verrà richiesto anche un titolo che dimostri la proprietà o il possesso dell’immobile.
  4. I kW. Se conosci già la tua precedente potenza impegnata, oppure un nostro consulente ti suggerirà quella più adatta al tuo tipo di consumo, al numero di elettrodomestici presenti, etc.

Quanto tempo ci vuole per un subentro?

I tempi di riattivazione del contatore sono stabiliti dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (meglio nota come ARERA).

  • il tempo di attesa massimo è di 7 giorni lavorativi

Il fornitore (cioè l’azienda con cui sottoscrivi il tuo contratto di fornitura)deve effettuare entro 2 giorni l’inoltro della tua richiesta al  distributore.

Il distributore invece ha 5 giorni per effettuare l’attivazione.
È utile sapere che, nel caso il distributore non garantisse l’attivazione della fornitura entro questo numero di giorni, hai diritto ad un indennizzo.

A titolo di risarcimento, se l’attivazione non verrà eseguita entro 15 giorni lavorativi, riceverai 35, 70 oppure 105€ a seconda del numero dei giorni trascorsi.

Quanto costa il subentro luce?

Se vuoi passare al Mercato Libero, i costi per il subentro sono:

  • un contributo fisso di euro 26,13 circa per oneri amministrativi
  • una quota fornitore che può partire da 20 fino a 60 euro

Con il mercato di maggior tutela i costi sono:

  • un contributo di euro 26,13€ circa per oneri amministrativi;
  • un contributo fisso di 23€ 
  • l’imposta di bollo di 16€
  • deposito cauzionale.

Se vuoi puoi avere la consulenza gratuita di un nostro esperto per la procedura di subentro luce  chiamando al numero 06.89833100

Cosa sono le offerte commerciali?

Le offerte commerciali vengono proposte dai venditori del mercato libero dell’energia sotto forma di contratti.

Cosa è il comparatore delle offerte?

È il nostro sistema per confrontare le principali offerte dei fornitori di energia del mercato libero. Confronta le migliori tariffe rispetto ad alcuni parametri ed esigenze da te indicate in fase di compilazione. Ti basterà seguire le istruzioni presenti nelle varie schermate per visualizzare l’offerta più conveniente con una stima annua di spesa.