Ogni anno, attraverso al legge di bilancio, il governo mette a disposizione degli italiani le detrazioni fiscali, applicabili agli interventi di riqualificazione energetica.

Chiunque residente o non residente in Italia, titolare del bene oggetto della riqualificazione, potrà richiederne i benefici.

L’agevolazione fiscale, viene applicata con una detrazione Irpef (imposta sul reddito delle persone fisiche) o Ires (imposta sul reddito delle società).

Ad ogni tipologia di azione di riqualificazione effettuata corrisponde una percentuale di detrazione.

Rientrano tra gli interventi, ad esempio, l’installazione di nuovi infissi, l’applicazione di un isolamento termico ma anche le pompe di calore, gli impianti solari e le caldaie a condensazione.

La detrazione che può raggiungere il 65%, si applica, per i soggetti privati, al totale dell’importo, e quindi anche sull’IVA.

Supponendo un intervento da 10.000 euro, comprensivi di iva, la detrazione si applicherà sull’intero importo di 10.000 euro. Il 65% dell’importo quindi verrà suddiviso in 10 anni di detrazioni dall’Irpef.

Abbastanza semplice, no?

Forse, ma vediamo nel dettaglio tutti i parametri.

risparmio energetico

ecobonus 2020Qual’è la normativa di riferimento per l’Ecobonus 2020?

Quella attuale proroga al 31/12/2020 ( Gazzetta Ufficiale n.304 del 30/12/2019 ) le detrazioni già applicate per l’anno 2019 per la ristrutturazione (Bonus Casa), ma anche per l’efficienza energetica degli edifici (Ecobonus).

Come già previsto per le detrazioni riguardanti la riqualificazione energetica degli edifici, è necessario trasmettere all’Enea le informazioni sugli interventi che accedono alle detrazioni del 50% per il Bonus Casa, terminati dal 2018 in poi.

Per quali lavori è possibile richiedere la detrazione?

Ecco a cosa è possibile applicare le detrazioni del 50% e nello specifico le spese ammesse per la detrazione.

STRUTTURE EDILIZIE

Tutti gli interventi che riducono la trasmissione del calore o del freddo provenienti dall’esterno nelle pareti verticali (muri perimetrali), orizzontali e inclinate (coperture) o dei pavimenti. Si tratta quindi degli accorgimenti per l’isolamento termico di un’abitazione, come i cosiddetti “cappotti”.

INFISSI

Installazione di serramenti comprensivi di infissi ad alta efficienza energetica.

IMPIANTI TECNOLOGICI

  • Nuove installazioni di collettori solari (impianto solare termico) per produrre acqua calda sanitaria e o per il riscaldamento degli ambienti;
  • Sostituzione di vecchi apparati per la generazione di calore con caldaie a condensazione sia per il riscaldamento che per la produzione di acqua calda e l’eventuale adeguamento dell’impianto;
  • Pompe di calore per la climatizzazione degli ambienti;
  • Installazione di sistemi ibridi a pompa di calore e condensazione;
  • microgeneratori (Pe
  • scaldacqua a pompa di calore;
  • generatori di calore a biomassa;
  • nuove installazioni di sistemi di contabilizzazione del calore negli impianti multiutenza;
  • impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo (per questi vige un’eccezione per la quale i dati vanno trasmessi con data di fine lavori a partire dal 01/01/2019)
  • teleriscaldamento
  • sistemi di termoregolazione e building automation

ELETTRODOMESTICI

Per ciò che riguarda gli elettrodomestici di classe energetica minima A+ , la detrazione sarà valida solo nei casi in cui il loro acquisto sia collegato ad un intervento di recupero del patrimonio edilizio iniziato a decorrere dal 1° gennaio 2018 per le spese sostenute nel 2019.

Rientrano in questa categoria : forni, frigoriferi, lavastoviglie, piani cottura elettrici, lavasciuga, lavatrici e asciugatrici.

In questo link potete trovare il documento riportante la proroga di tali interventi presente nel decreto legge, mentre da qui potrete scaricare il pdf completo con tutte le indicazioni.

Strumenti utili per misurare il risparmio energetico.

enea

Forse alcuni di voi non sanno che l’ENEA è l’ Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.

L’Enea mette a disposizione dei cittadini, gratuitamente, alcune applicazioni utili per il calcolo del risparmio annuo di energia che è possibile conseguire adottando alcuni interventi di riqualificazione energetica nella propria abitazione.

Puoi trovare questi utili strumenti in questa pagina del sito Enea.

Bonus facciate.

Nei prossimi articoli ci dedicheremo anche a questo argomento, intanto puoi trovare informazioni utili cliccando qui .

Quindi, ricapitolando, tutte le spese effettuate per gli interventi di efficienza energetica, rientrano nell’ Ecobonus 2020 a condizione che sia seguita la normativa per usufruire della detraibilità.

Il pagamento degli interventi che rientrano come spesa detraibile, devono essere effettuati tramite bonifico bancario. Prima del pagamento è necessario selezionare la tipologia di bonifico corretta ed indicare nella descrizione il numero di fattura che corrisponde all’intervento.

Questo passaggio è fondamentale. Selezionare la tipologia di bonifico errata o dimenticarsi di scrivere la motivazione del pagamento, potrebbe costarvi la detrazione stessa.

Adottare una parte o, potendo, tutte questi interventi per la propria abitazione, limitando i consumi energetici dovuti alle dispersioni di calore, vi farà risparmiare veramente tanto in bolletta.

Ma puoi ridurre ulteriormente i consumi intervenendo sul tuo contratto di fornitura elettrica.

Per saperne di più ti invitiamo a consultare questo articolo sulle migliori offerte luce.