Vuoi risparmiare con i condizionatori? Ecco alcuni consigli utili per ridurre i consumi energetici della tua casa.

Spesso un utilizzo errato dei condizionatori, può essere controproducente,  sia per la salute delle persone che vivono nella tua casa che per il tuo portafoglio.

Se acquisti un condizionatore senza considerare i vari fattori che influiscono sul suo funzionamento, rischi infatti di non trarne nessun beneficio.

Con questo breve vademecum, ti darò tutti i consigli per risparmiare energia e rendere gli ambienti della tua casa piacevolmente freschi, senza danni collaterali!

risparmio climatizzatore

Differenza tra climatizzatore e condizionatore.

Una prima distinzione da fare è quella tra condizionatore e climatizzatore.

Il condizionatore è un tipo di macchina più vecchia.

In questa macchina è possibile regolare il getto dell’aria, ma non la temperatura.

Tra i climatizzatori troviamo invece le macchine più moderne e all’avanguardia.

Con i climatizzatori è possibile regolare la temperatura, il getto dell’aria, utilizzare funzioni di deumidificazione (Dry) anche impostando i gradi, “eco” (per risparmio energetico) e timer di avvio e spegnimento.

differenza tra condizionatore e climatizzatore

Ecco cosa puoi fare se hai un climatizzatore e vuoi ridurre i tuoi consumi.

Ecco i miei consigli

● Il primo consiglio che mi sento di darti è quello di acquistare un condizionatore inverter di classe A++.
Acquistare un condizionatore o climatizzatore di classe A++ ti consente infatti di risparmiare quasi il 30% sui consumi annuali e recuperare in breve termine la spesa sostenuta sull’investimento iniziale.
Uno split con prestazioni migliori e con vari tipi di regolazioni ti danno la possibilità di risparmiare circa 270 kWh all’anno rispetto allo stesso modello di classe F, ad esempio.

Tabella BTU

● Quando l’acquisti, valuta sempre con un tecnico la tipologia di potenza necessaria per condizionare l’aria della stanza in cui va installato. In un ambiente piccolo come una stanza da 20 mq, potrebbe essere sufficiente un climatizzatore da 9000 BTU, mentre per una da 40 mq. potrebbe essere utile una macchina da 12.000 BTU o superiore.
È bene, inoltre, verificare sempre tutti i fattori che possono incidere sul rendimento dei condizionatori; dall’esposizione degli ambienti nelle ore più calde al posizionamento all’interno delle stanze.

● È importante collocare i condizionatori in alto.

È risaputo infatti che l’aria fredda va verso il basso, e così facendo si percepirà la piacevole sensazione di fresco più velocemente.

● I ventilatori da soffitto possono essere un utile strumento da abbinare al climatizzatore per smuovere l’aria calda che staziona sul soffitto e permettere un raffreddamento dell’ambiente più rapido ed efficiente.

Chiudere le persiane ed abbassare le tapparelle nelle ore più calde. Naturalmente tenere tutte le finestre chiuse quando il climatizzatore è acceso.

● Quando viene impostata la temperatura, sarebbe l’ideale fare in modo che non ci siano più di 7/8 gradi di differenza rispetto a quella esterna.
Questo non solo permette ai motori delle macchine di lavorare in maniera più efficiente e, di conseguenza di risparmiare sui consumi, ma evita anche di creare un eccessivo sbalzo termico tra l’interno e l’esterno della casa e scongiurare, quindi, possibili colpi di calore.

Di notte è consigliabile impostare il timer in modo che si possa spegnere lo split quando viene raggiunta la temperatura ideale. In alcuni climatizzatori di ultima generazione esiste la funzione “IFeel” che permette di impostare la temperatura ideale; una volta raggiunta il climatizzatore si spegne automaticamente e inizierà a funzionare nuovamente quando la temperatura nella camere sale (o scende, nel periodo invernale) di alcuni gradi.
Per i risparmiatori più incalliti, consiglio i nuovi modelli con la funzione “Eco”.

climatizzatore

● Durante le ore diurne, per avere una temperatura gradevole ed eliminare l’umidità in eccesso è molto utile la funzione “Dry” (deumidificazione) che, con un consumo contenuto, può rendere l’aria più fresca e gradevole.
● Eseguire una pulizia approfondita degli split interni può aiutare sia ad aumentare il rendimento della macchina che a rendere l’aria che respiriamo pulita e sana.
Nei banchi dei negozi di bricolage, esistono infatti numerosi prodotti spray da nebulizzare sulle lamelle metalliche presenti sotto il coperchio dell’unità interna che eliminano batteri e impurità.

Puoi risparmiare con i condizionatori anche eseguendo una accurata pulizia dei filtri.
Per pulire i filtri esterni è sufficiente utilizzare acqua corrente e un comune sgrassatore.

pulizia condizionatore

Come risparmiare con i condizionatori?
Taglio iva in bolletta
ADSL FIBRA 4G
Offerte energia elettrica aziende
comparare per un facile risparmio
trucchi per risparmiare sulle bollette
come risparmiare energia
risparmiare sul riscaldamento